Tra tutte le città cinesi visitate nel corso degli anni, ce n’è una che mi ha fatto sentire a casa più di tutte ed è l’unica di cui non avevo mai sentito parlare prima. Si tratta di Datong, città nota per le Grotte di Yungang e un Monastero Sospeso nel vuoto.

L’ estate scorsa io e mio marito ci siamo avventurati in un viaggio in Cina di 12 giorni, dove, da Pechino, abbiamo raggiunto Shanghai attraversando Datong, Luoyang e Xi’an. Nei precedenti articoli ho raccontato questo itinerario e, nel dettaglio, i nostri primi giorni nella capitale (giorno 1giorno 2giorno 3 e giorno 4) prima di raggiungere Datong.

Datong 大同 è una città dello Shanxi situata a circa 350km a ovest di Pechino. Storicamente situata lungo la Via della Seta, ad oggi conta più di tre milioni di abitanti e un crescente turismo, soprattutto da parte ci cittadini cinesi.

Per arrivarci da Pechino, abbiamo optato per l’autobus per non perdere la vista della Muraglia Cinese. I biglietti li avevamo acquistati preventivamente presso la stazione degli autobus di Liuliqiao 六里桥 a Pechino. Il tragitto è durato 5 ore ed è stato meraviglioso come pensavamo grazie alla spettacolare vista della Muraglia, attraversata dalla strada.

Datong - great wall - yajie

Ancora non sapevamo che esperienza 100% cinese avremmo affrontato in questa piccola/ grande città dell’entroterra mandarino…

Appena entrati in città abbiamo cominciato a capire però che questa Cina non l’avevamo ancora conosciuta. Il primo impatto è stato quello di entrare in un villaggio post-apocalittico: palazzoni enormi tutti uguali e altrettanti cantieri si perdono a vista d’occhio, l’aria è pesante e sporca, il traffico tremendo.

Come alloggio abbiamo scelto il Jinhu Guesthouse Brand per la sua vicinanza alla stazione dei treni da cui la notte successiva saremmo partiti per tornare nella capitale. Lo staff ci ha accolto molto più che calorosamente, lasciandoci ben poca privacy ma regalandoci un affetto incredibile.

La sera abbiamo fatto una veloce passeggiata per gli street food market di quartiere sentendoci in men che non si dica delle piccole celebrità tra ragazze che ci fermavano per una foto e ragazzi che ci invitavano a bere con loro.

Datong - street food market - yajie

Credo il mio amore per Datong sia iniziato proprio qui: tra gli arrosticini e le birre.

Datong - street food bbq - yajie

La nostra intenzione era quella di prenotare il tour delle Grotte e del Monastero il giorno seguente con l’agenzia CITS ma una volta recati alla reception dell’albergo che ne ospita gli uffici ci siamo resi conto che dopo 5 giorni in Cina eravamo ormai diventati troppo snob e tirchi per spendere 120元 (15,5€) a testa per un tour organizzato.

Una conversazione confusa con il proprietario dell’ostello ci aveva lasciato intendere che qualcuno ci avrebbe potuto portare alle Grotte e al Monastero al costo di 100元 (13€) ed è così che il giorno seguente ci siamo ritrovati in una macchina sgangherata in compagnia di tre cinesi di cui non abbiamo mai capito il nome.

Datong - chinese car ride - yajie

L’avventura stava iniziando e noi non eravamo neanche sicuri di aver capito dove ci avrebbe portato…

Tuttavia, 65km a sud-est, dopo due ore di viaggio nella campagna cinese siamo veramente arrivati al Monastero Sospeso… ed era molto più pauroso di quello che avremmo mai potuto immaginare!

Datong - hanging temple - hengshan - yajie

Questa particolare struttura di legno è appesa alla parete rocciosa del Monte Heng (恒山 Heng Shan) a 50m di altezza dal suolo e racchiude al suo interno ben tre diverse religioni: Confucianesimo, Taoismo e Buddismo. L’intera costruzione regge ormai da più di 1.400 anni e si adatta perfettamente alle cavità e alle sporgenze naturali della roccia.

Lo si raggiunge  percorrendo un ponte che conduce ad una scalinata intagliata lungo la parete rocciosa della montagna. I sei ambienti principali del monastero sono collegati in maniera intricata tramite stretti corridoi e ponti che offrono una veduta mozzafiato del Canyon Jinlong, creando un vero senso di “sospensione” nel vuoto.

Il percorso è sicuramente vertiginoso ma assolutamente da non perdere.

Datong - hanging temple - hengshan - yajie

Datong - hanging temple - hengshan view - yajie

  • Il Monastero è raggiungibile anche con un bus navetta apposito che parte dalla stazione degli autobus di Datong (大同汽车站) al prezzo di 26元.

A pranzo, i nostri nuovi compagni di viaggio ci hanno portato nella “bettola” più buona dell’universo dove a 9元 (1,2€) ci siamo sfamati e ubriacati a suon di bottigliette di grappa.

Datong - food - yajie

E poi via, di corsa alle Grotte, molto più vicine alla città.

Le Grotte di Yungang sono un insieme di templi Buddisti scavati nella roccia durante la Dinastia Wei. Le grotte che si sono conservate fino ad oggi si susseguono per un chilometro circa lungo la parete del monte Wuzhou. Si tratta di 252 caverne e oltre 51.000 statue di Buddha che è possibile visitare in un paio d’ore.

Inserite tra i patrimoni dell’UNESCO, le Grotte di Yungang sono tra le più famose in Cina assieme a quelle di Mogao e di Longmen.

Datong - yungang grottoes - yajie

Datong - yungang grottoes buddha - yajie

Datong - yungang grottoes temple - yajie

  • Le grotte si raggiungono facilmente anche dalla stazione dei treni (大同站) dove basta prendere il bus turistico numero 903 fino al capolinea al costo di 3元 o la linea urbana 4 fino al capolinea e da lì prendere la linea 3.

Questo tour improvvisato si è svolto dalle 7 della mattina fino alle 15 circa così abbiamo avuto il tempo di passeggiare ancora per la città prima di prendere il treno notturno che ci avrebbe portato a Pechino per poi dirigerci verso Luoyang.

Più di qualsiasi altra città cinese, Datong ci ha regalato un sacco di esperienze a stretto contatto con gli abitanti con cui ci siamo divertiti tantissimo nonostante la barriera linguistica (no, nessuna delle persone incontrate parlava inglese). Ma si sa, quando c’è voglia di stare insieme non c’è barriera linguistica che tenga…

Ho inserito Datong nel mio itinerario di viaggio dopo aver visto un documentario sul Monastero Sospeso e sulle Grotte. Non conoscevo la città né la sua collocazione eppure grazie ad un turismo occidentale ancora poco sviluppato e ad una macchinata organizzata un po’ per caso ci siamo portati a casa forse l’esperienza più incredibile di questo viaggio.

Consiglio a tutti una visita sia alle Grotte che al Monastero anche se fuori mano, anche solo per un giorno. Ma poi auguro a tutti di ritrovarsi in una macchina di persone locali e gentili, anche se non si parla la lingua, anche se fa paura.

Ovunque finirete, ne sarà valsa la pena.

Se vuoi farti un’idea dell’itinerario completo del viaggio, qui puoi trovare città e attrazioni visitate.

Per il resto del viaggio invece, stay tuned…

Ghirigori-cornice-yajie

Informazioni Utili

  • Jinhu Guesthouse Brand: B-6, Jinhu International Building, Cheng Qu  – prezzo doppia, letti singoli 58元 (8€) + 40元 (5,2€) deposito bagagli dopo il check out
  • Monastero Sospeso (悬空寺 Xuankong si): Hengshan, Datong (h. 8/8.30-17.30/18) – prezzo 130元 (17€)
  • Grotte di Yungang (云冈石窟 Yungang Shiku): Yungang, Datong (h. 8.30-17/ 17.30) – prezzo 125元 (16€)

Datong - itinerario - yajie